Please Wait
Tirocini e Stage (periodi di formazione all'esterno)

I tirocini formativi e di orientamento (di cui al DM142/98 e DL138/2011) sono attività formative volte ad agevolare le scelte professionali, mediante la conoscenza diretta del settore lavorativo cui il titolo di studio può dare accesso. Le attività del tirocinio vengono realizzate presso imprese, amministrazioni pubbliche, enti pubblici o privati ivi compresi quelli del terzo settore, ordini e collegi professionali, sulla base di apposite convenzioni.

L'elenco delle aziende convenzionate di potenziale interesse per gli studenti di Biotecnologie è scaricabile dal seguente link: ELENCO AZIENDE CONVENZIONATE. Questo elenco riporta convenzioni stipulate dal DIBAF, ma anche convenzioni di ateneo (convenzioni quadro) e stipulate da altri dipartimenti che sono di interesse in ambito biotecnologico.
Gli studenti che volessero prendere visione di tutte le convenzioni stipulate in ateneo possono trovarle alla seguente Link
Gli studenti interessati avranno altresì la possibilità di proporre l'azienda/ente in cui svolgere il tirocinio previo verifica del Coordinatore, o di un Docente del Corso di studio, della adeguatezza dell'azienda/ente rispetto agli obiettivi formativi specifici del corso.

La convenzione ed il progetto formativo devono essere necessariamente perfezionati prima dell'inizio del tirocinio.

DIBAF-Università della Tuscia, nel ruolo di soggetto promotore, garantisce per tutta la durata del tirocinio la copertura assicurativa sia per quanto riguarda la responsabilità civile sia per quanto riguarda gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.
Sulla pagina web del DIBAF (LINK), sono descritte tutte le procedure da seguire e sono scaricabili tutti i documenti necessari, compresi i fac-simile delle convenzioni, del progetto formativo, del diario di tirocinio ed dei questionari da compilare a fine tirocinio; è inoltre necessario preparare una breve relazione scritta relativa alle attività di tirocinio.
 
Nel CdS in Biotecnologie è prevista una attività di tirocinio corrispondente a 8 crediti formativi (200 ore). Il periodo formativo deve essere svolto durante il corso di studi e deve avere una durata non superiore a 12 mesi.
Per ogni tirocinante è previsto un tutore accademico e un tutor aziendale che, congiuntamente con lo studente ed il Coordinatore del CdS, firmeranno il progetto formativo e il libretto di tirocinio. Compiti del tutore accademico sono: valutare il progetto formativo di tirocinio (obiettivi e modalità di svolgimento), richiedendo, se necessario, eventuali aggiustamenti; mantenere i contatti con il tutor aziendale, in modo da seguire una linea di azione organica e concordata; consigliare le linee di azione generale da seguire e gli approcci ai problemi, suggerire testi di approfondimento, favorire contatti con altri docenti e/o esperti le cui conoscenze potrebbero risultare utili al tirocinante; assistere lo studente nella stesura della relazione finale di tirocinio.
Al termine del tirocinio gli studenti dovranno presentare una relazione finale scritta al tutor accademico che, confermato l'esito positivo della relazione e verificate le firme di frequenza sul libretto di tirocinio, consegnerà la documentazione alla segreteria didattica che procederà alla registrazione dei crediti di tirocinio. Alla segreteria verranno consegnati anche i questionari di valutazione redatti e firmati dallo studente e dal tutor aziendale.
Al tirocinante è fatto obbligo di seguire le indicazioni del tutore accademico e del tutore aziendale e fare riferimento ad essi per qualsiasi esigenza di tipo organizzativo o per altre evenienze, nonché di rispettare i regolamenti disciplinari, le norme organizzative di sicurezza e di igiene del lavoro vigenti nell'azienda o ente presso cui svolge il tirocinio.

 

Degli 8 CFU di tirocinio non più di 2 CFU possono essere acquisiti presso laboratori dell'Ateneo della Tuscia previa richiesta al Consiglio di Corso di Studi (CCS) accompagnata da lettera del docente che dichiara la disponibilità ad ospitare lo studente presso i propri laboratori.

Oltre alle attività presso aziende e enti esterni, gli studenti del 1° anno di Biotecnologie possono acquisire fino a circa 2 CFU attraverso la frequenza di attività formative (laboratori didattici, escursioni, ecc.) organizzate dal CCS e che saranno svolte durante il I e II semestre del 1°anno.