#WEUNITUS

Scienze, Tecnologie e Biotecnologie per la Sostenibilità

Presentazione
Immatricolazione
Ricerca&Didattica
Studenti
Assicurazione Qualità
  • Corso

    Dottorato

  • Area

    Scientifico-Tecnologica

  • Dipartimento

    Innovazione nei sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali Scienze Agrarie e Forestali

  • Durata

    3 anni

  • Lingua

    Italiano

Il corso di Dottorato di Ricerca in Scienze, Tecnologie e Biotecnologie per la Sostenibilità ha lo scopo di fornire le competenze necessarie per esercitare presso Università, Enti pubblici o privati, italiani o stranieri, attività di ricerca di alta qualificazione, anche a carattere interdisciplinare relative ai settori:

  1. delle produzioni agro-alimentari;
  2. delle tecnologie ambientali e dell’ecologia forestale;
  3. dei sistemi biologici/bioindustrie

Questo corso di Dottorato si rivolge a studenti italiani, europei e internazionali interessati alla formazione come ricercatore, tecnologo e progettista nel settore scientifico e industriale delle scienze, tecnologie e biotecnologie della sostenibilità. Questo dottorato è la prosecuzione ideale degli studi universitari seguiti in diverse aree, in particolare in quelle tecnico-scientifiche. La specializzazione del Dottore di Ricerca avviene attraverso lo svolgimento di un lavoro di ricerca originale su una tematica specifica.

  • Obiettivi

    Il corso di DR mira a fornire le competenze necessarie per esercitare presso Università, Enti pubblici o privati, italiani o stranieri, attività di ricerca di alta qualificazione, anche a carattere interdisciplinare relative all’innovazione dei settori alimentare, biologico e forestale.

    Il curriculum Alimenti affronta studi e ricerche sugli aspetti fondamentali ed applicati della trasformazione, conservazione e valutazione degli alimenti e sui criteri per la gestione della qualità del prodotto e della sostenibilità ambientale dei processi. L’attività didattica si svolge anche nell’ambito di collaborazioni previste dal Workshop annuale on the Developments in the Italian PhD Research in Food Science and Technology, e dal Protocollo d’intesa della Rete Nazionale dei Corsi di Dottorato di Ricerca in Food Science Technology and Biotechnology.

    Il curriculum Ecologia forestale e Tecnologie ambientali si attiva, di volta in volta, in ambiti di ricerca relativi alla struttura, alla funzionalità, alla stabilità ed alla produttività degli ecosistemi forestali, incluso il sistema suolo, al recupero ecologico e produttivo degli ecosistemi e alla ricolonizzazione forestale, alla tutela della diversità biologica a livello genetico, specifico e strutturale-territoriale. Affronta inoltre le tematiche dei cambiamenti globali e le relative dinamiche di mitigazione e adattamento degli ecosistemi forestali e, in generale, degli ecosistemi naturali terrestri.

    Il curriculum Sistemi biologici/Bioindustrie affronta ricerche sulla biologia di base e applicata ai sistemi animali, vegetali e microbici; sulle biotecnologie per il bio-risanamento e la salute umana. Il curriculum si caratterizza anche per le ricerche sulla gestione agronomica sostenibile dei sistemi colturali mediterranei, sulle relazioni pianta-suolo e sul miglioramento della produttività e della qualità delle piante coltivate, nonché sulle cosiddette white-, green- e red-biotechnologies.

    Nella sua declinazione il corso di Dottorato di Ricerca in Scienze, Tecnologie e Biotecnologie per la Sostenibilità è pienamente coerente con gli obiettivi PNRR e quindi con le principali linee di sviluppo e crescita strategica del nostro Paese. Con i suoi obiettivi educativi e formativi e i suoi 3 curricula rientra pienamente nelle priorità e obiettivi del PNRR, primo tra tutto quello Istruzione e Ricerca avendo nelle proprie finalità specificatamente ‘Il rafforzamento del sistema educativo, le competenze digitali e tecnico-scientifiche, la ricerca e il trasferimento tecnologico’. Inoltre, nei suoi 3 curricula affronta in pieno le tematiche relative alla Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica, affrontando il tema nei sistemi agroindustriali, degli ambienti naturali e forestali offrendo ricerche e soluzioni biotecnologiche per la sostenibilità economica e ecologica. Infine, forte del supporto del progetto di eccellenza del MUR “PAESAGGIO 4.0: qualità ambientale, valore al capitale naturale e culturale, eccellenza alimentare”, conclusosi nel 2022, ha realizzato una forte convergenza tra gli ambiti della ricerca ambientali, tecnologici e della cultura e la transizione digitale e gestione di grandi moli di dati (big data), anche costituendo un polo informatico e di elaborazione di grande potenza capace di gestire grandi moli di dati eterogenei.

    Tra l’altro, nella sua multidisciplinarietà intrinseca il presente corso di DR favorisce interazioni trasversali tra le discipline ed una rilevante opportunità di crescita su percorsi formativi strategici.

  • Sbocchi professionali

    Il Corso si prefigge l’unico e comune obiettivo di formare ricercatori e manager della ricerca con competenze di progettazione, finanziamento e gestione delle attività di ricerca e di monitoraggio presso Enti ed Istituzioni, pubblici e privati, che operano nei settori agro-alimentare, nutraceutico, ambientale e ecologico-forestale, biotecnologico, farmaceutico, in grado di occuparsi di produzione, brevettazione e impiego di bio-prodotti innovativi che rispondano a logiche di sostenibilità ambientale. Tra gli sbocchi professionale certamente quelli in Enti di ricerca e Università italiane e internazionali; posizioni manageriali nel settore dell’innovazione, trasferimento tecnologico, qualità dei prodotti in aziende private italiane ed Europee. Posizioni dirigenziali in Enti pubblici, Ministeri, Agenzie Regionali e governative italiane. Posizioni dirigenziali in ambito delle Agenzie Europee e CE. Possibilità di svolgere attività di consulenza specialistica nell’ambito della sostenibilità applicata all’ambiente, agricoltura, foreste, produzione e qualità nel settore biotecnologico e agroindustriale.

  • Requisiti di accesso

    La selezione dei candidati viene fatta in base al DR 226 del 14 dicembre 2022 e al regolamento interno UNITUS D.R. n. 723/13 del 17.07.2013, modificato con D.R. n. 491/18 del 19.06.2018, modificato con D.R. n. 101/22 del 01.03.2022.
    Ciascun candidato deve individuare nella domanda il curriculum a cui vuole applicare e deve preparare un progetto di ricerca coerente con le tematiche che annualmente vengono indicate in fase di bando. Il progetto serve sostanzialmente a valutare il bagaglio culturale del candidato e l’attitudine alla ricerca. Il progetto viene presentato in fase di colloquio orale di fronte alla commissione esaminatrice e rappresenterà un importante metro di valutazione.

  • Referenti e contatti

    Coordinatore:

  • Collegio docenti e altri organi

  • Bando di ammissione

    > Bando di ammissione e istruzioni per l’iscrizione qui.

  • Risultati e graduatorie