Please Wait
Servizi e test laboratorio
Gruppo Lavoro I-SUM di Unitus

Attività di consulenza per materiali nello sviluppo e caratterizzazione di mascherine chirurgiche

 

1. Caratterizzazione del materiale TNT esterno o TNT interno filtrante. Un provino del materiale filtrante sarà caratterizzato mediante:

  • Microscopia ottica, elettronica a scansione (SEM) ed a trasmissione (TEM), e Confocale (laboratorio di MICROSCOPIA, CGA) per l’analisi della dimensione delle fibre, della forma e della dimensione dei pori.
  • Microscopia a Forza Atomica (AFM) per la caratterizzazione imaging delle fibre e dei pori.
  • Angolo di contatto con acqua o altri liquidi con caratteristiche note, per misurare la bagnabilità delle superfici e l’energia superficiale.
  • Spettroscopia Infrarossa (FT-IR in ATR) e Spettroscopia Raman per l’analisi delle proprietà chimiche delle superfici e la presenza di contaminanti.
  • Gas-cromatografia e cromatografia liquida associata alla spettrometria di massa per la determinazione della presenza e della tipologia degli inquinanti.
  • Proprietà meccaniche, misure Stress-Strain in direzione longitudinale e trasversale, dei singoli film di TNT e dei sistemi multistrato utilizzati per la realizzazione delle mascherine.
  • Misura della traspirabilità (UNI EN 14683:2019).
  • Misura della resistenza respiratoria (UNI EN 149:2009).

2. Studio dell’efficienza di filtrazione dei materiali rispetto diverse dimensioni delle polveri

  • L’efficienza di filtrazione dei diversi materiali verrà effettuata rispetto sia al particolato sub-micrometrico (particelle con dimensioni dell’ordine dei nanometri, UFP) che super-micrometrico (particelle con dimensioni dell’ordine dei micrometri, PM2.5, PM10).
  • Verrà usato come test di misura un aerosol polidisperso calibrato (generato tramite TSI aerosol generator 3076).
  • La capacità filtrante verrà valutata mediante misure effettuate a monte e a valle del materiale testato con apposita strumentazione (CPC, condensationparticlecounter TSI 3775; SMPS, scanning mobilityparticlesizer TSI 3936; OPS, opticalparticlesizer TSI 3330; DustTrak, TSI 8534).
  • Le misure saranno relative alla concentrazione in massa e numero di particelle nonché alla loro distribuzione dimensionale e verranno effettuate riproducendo pattern tipici della respirazione.
  • Verrà stimata la PFE (particlefiltrationefficiency) sulla base delle concentrazioni (in numero e massa) misurate a valle e a monte del materiale filtrante delle diverse taglie dimensionali di polveri.

3. Prova di Biocompatibilità

  • Test di citotossicità e genotossicità dei materiali.
  • Test di irritazione e corrosione della pelle (skinequivalents).
  • Test per identificare e quantificare potenziali prodotti di degradazione
  • Caratterizzazione strutturale e citotossicità e genotossicità dei prodotti estraibili.

 

Attività di ricerca per materiali nello sviluppo e caratterizzazione di mascherine chirurgiche

 

1. Analisi della sterilizzabilità dei materiali

Sterilizzare i materiali (raggi UV, Autoclave, etanolo) per un tempo definito e valutare se si evidenziano effetti degradativi in termini di proprietà chimiche, superficiali, morfologiche e meccaniche.


2. Analisi della riusabilità delle mascherine filtranti e/o dei materiali utilizzati

Valutare quanti cicli di lavaggio e/o di sterilizzazione possano essere effettuati. Possono essere testate le sanificazioni in autoclave, etanolo e UV. Anche se i materiali di cui è fatta la maschera possono essere lavati o sterilizzati, bisogna valutare l’effetto della sterilizzazione e sanificazione sulla morfologia delle mascherine, le proprietà meccaniche e sulle proprietà superficiali allo scopo di mantenere le prestazioni iniziali.

 

SCARICA VERSIONE PDF