Please Wait
Info e FAQ

Personale tecnico-amministrativo, personale docente, dottorandi, assegnisti di ricerca, contrattisti, borsisti nonché coloro che, pur terzi non dipendenti, hanno comunque accesso autorizzato alle strutture dell’Università devo rispettare quanto indicato nel Protocollo sicurezza 10-8-2020.

 

Le sedi dell’Ateneo sono aperte?

Le sedi dell’Ateneo sono aperte nel rispetto di quanto indicato nel Protocollo sicurezza 10-8-2020.

 

Le segreterie e gli uffici sono aperti al pubblico?

Le segreterie e gli altri servizi agli studenti e al pubblico funzionano preferibilmente da remoto e/o su prenotazione. 

Segreteria studenti: i servizi sono svolti da remoto e in presenza sia a livello centrale sia nelle strutture periferiche dipartimentali per svolgere le attività di segreteria e accoglienza delle matricole. In particolare, è istituito immediatamente un “Punto accoglienza matricole e studenti iscritti” sia a livello centrale sia nei Dipartimenti che è funzionale ad accogliere l’utenza (studenti iscritti e matricole) . 

Le attività e i servizi resi agli studenti da parte della Segreteria Studenti, delle Segreterie Didattiche e dall'Ufficio Mobilità Internazionale saranno garantite in modalità telematica, attraverso gli indirizzi email riportati di seguito e presenti sul sito UNITUS ovvero contattando i numeri indicati al seguente link

 

Le biblioteche e le aule studio di Ateneo sono aperti? 

Solo per il prestito dei libri secondo quanto descritto qui. Al fine di evitare gli assembramenti, le aule studio e gli spazi studenti dell’Ateneo sono chiusi. Per lo stesso motivo, non è possibile utilizzare gli spazi delle biblioteche per studiare.

 

Come si svolgeranno le lezioni?

L'Università della Tuscia consente ai propri studenti di assistere e partecipare alle lezioni in modalità online, ovunque si trovino, con la possibilità di interagire con il docente e senza perdere neanche un contenuto.
Dal mese di settembre 2020, con l'avvio del nuovo anno accademico 2020-21, le lezioni saranno erogate in modalità mista: i docenti faranno lezione in aula con studenti in presenza e con studenti collegati in diretta streaming, e le lezioni saranno registrate per consentire a tutti di poterne fruire anche in seguito. Questo grazie ad un progetto ambizioso di riprogettazione degli spazi e delle aule, che sono state attrezzate con strumentazione all'avanguardia per l’interazione e la trasmissione dei contenuti audio-visivi e testuali. Vedi i dettagli.


Come si svolgeranno gli esami?

Il completamento delle sessioni di esami nel mese di settembre continua ad essere in via ordinaria garantito con modalità a distanza. I Direttori, laddove ritenuto necessario o comunque rilevante per le peculiarità dell’insegnamento, possono autorizzare esami in presenza nel rispetto del Protocollo di Ateneo. In ogni caso, qualora lo studente comunichi di essere impossibilitato a partecipare in presenza per ragioni legate alla pandemia, il docente dovrà fissare una data per la prova a distanza, che potrà coincidere con la data fissata per gli esami in presenza o comunque dovrà essere il più possibile prossima ad essa.

Le indicazioni per gli esami in modalità telematica sono disponibili qui


Come si svolgeranno le sedute di laurea?

Gli esami di laurea si svolgeranno, in via ordinaria, in presenza presso le sedi dell’Ateneo, ferma restando la facoltà dei Dipartimenti di mantenere la modalità a distanza qualora le esigenze di spazio siano superiori alle disponibilità ovvero la programmazione sia già stata effettuata e non sia modificabile in tempi brevi. In ogni caso, qualora lo studente comunichi di essere impossibilitato a partecipare in presenza per ragioni legate alla pandemia, il Dipartimento dovrà fissare una data per la prova a distanza, che potrà coincidere con la data fissata per l’esame finale in presenza o comunque dovrà essere il più possibile prossima ad essa.

Le sedute di laurea in modalità telematica si svolgono secondo le indicazioni fornite qui


I tirocini e gli stage sono sospesi?

É consentito lo svolgimento di tirocini (curriculari ed extracurriculari) presso enti esterni, previa valutazione della possibilità di svolgere in via privilegiata, d’intesa con il tirocinante e l’ente ospitante, il tirocinio in modalità a distanza mediante l’utilizzo di adeguati strumenti tecnologici. Nell’ipotesi in cui il tirocinio sia attivato in presenza, l’ente ospitante è tenuto ad assicurare che si disponga di un’organizzazione degli spazi e del lavoro tale da avere la massima riduzione del rischio di prossimità e di aggregazione, nonché a adottare le misure organizzative di prevenzione e protezione indicate dalla normativa. In tal caso l’ente ospitante, prima dell’avvio del tirocinio, dovrà sottoscrivere un’apposita dichiarazione con la quale attesta l’adozione delle predette misure e del protocollo aziendale di regolamentazione per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro. Il tirocinante dovrà sottoscrivere una dichiarazione con la quale si impegna ad osservare tutti i comportamenti e le misure adottate dalle Autorità competenti, nazionali e regionali, in materia di emergenza sanitaria COVID–19, nonché le norme organizzative di sicurezza e di prevenzione adottate dall’ente ospitante in applicazione alla normatuva nazionale e quelle emanate dall’Università degli Studi della Tuscia sulla base dei predetti provvedimenti e pubblicate nel sito di Ateneo

Sono altresì consentiti i tirocini interni. I tirocinanti devono essere autorizzati dal Direttore di Dipartimento, dal Responsabile del tirocinio e dal Responsabile della Struttura a cui eventualmente devono accedere.

 

Gli eventi, seminari, convegni, manifestazioni aperti al pubblico sono sospesi?
Sì, tutti gli eventi in presenza sono sospesi. Sono attivi eventi in modalità a distanza.

 

I laureandi (tesisti), dottorandi, borsisti e assegnisti di ricerca, possono svolgere la loro attività in ateneo?
I laureandi possono fare attività in presenza per conseguire il titolo di studio. Per lo svolgimento delle suddette attività i laureandi devono essere autorizzati dal Direttore di Dipartimento, dal Docente Relatore e dal Responsabile della Struttura a cui eventualmente devono accedere.
Borsisti, assegnisti e dottorandi - previa autorizzazione del proprio Responsabile scientifico - possono recarsi presso i laboratori scientifici per svolgere le proprie attività di ricerca adottando le misure igienico sanitarie di prevenzione previste dall’allegato 16 del DPCM 11 giugno 2020. Rimane comunque vivamente raccomandato di privilegiare modalità di lavoro da casa.

 


 

Quali sono le misure igienico sanitarie previste dall’allegato 16 al DPCM 11 giugno 2020?

 

a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre:

supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

c) evitare abbracci e strette di mano;

d) mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

e) igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

f) evitare l'uso promiscuo dibottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva;

g) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

h) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

i) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

l) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

m) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.


 

Quali sono le misure previste per il personale tecnico - amministrativo?

 

Al fine di contemperare l’interesse alla salute pubblica con quello della continuità dell’azione amministrativa essenziale, viene favorita e potenziata la possibilità di ricorrere a forme di lavoro flessibile, consentendo lo svolgimento della prestazione lavorativa mediante gli istituti dello Smart Working secondo le procedure previste dall’avviso pubblicato sul sito del nostro Ateneo. Sono, inoltre, agevolate le richieste di ferie e i congedi non ancora goduti.