Please Wait
Michael

MICHAEL - Multilingual inventory of cultural heritage in Europe è un progetto europeo, che ha come obiettivo quello di censire le collezioni digitali di beni culturali a livello europeo e di rendere accessibili le loro descrizioni attraverso un unico portale di accesso.
Il portale si differenzia in istanze nazionali - per ora italiana, francese e inglese - personalizzate, ma interoperabili.
La banca dati consta di piattaforme nazionali per l’inserimento dei dati e di un’interfaccia pubblica di ricerca nazionale e internazionale.
MICHAEL è una geminazione spin-off del progetto Minerva, che mira a costruire una rete europea di ministeri della cultura per le attività di digitalizzazione, ed è coordinato dal nostro MIBAC - Ministero per i beni e le attività culturali, che ha come partner gli omologhi ministeri francese ed inglese. E’ già prevista, però, l’estensione del progetto ad altre 11 nazioni UE e a Cina, Israele, Egitto e Canada.

L’istanza italiana si integrerà con il portale italiano della cultura del MIBAC, da cui sarà accessibile.

In particolare, MICHAEL Atenei censisce tutte le collezioni digitalizzate dalle università italiane attraverso l’apporto di Facoltà, Dipartimenti, Biblioteche, Archivi, Musei, anche in collaborazione con Enti esterni, anche se l’Università ha solo finanziato il progetto.
Le collezioni digitalizzate censite da MICHAEL Atenei possono essere sia ad accesso remoto che locale, sia ad accesso libero che a pagamento, sia concluse che in corso, di tutti i tipi di materiale, ma la conditio sine qua non è che si tratti di no born digital.

Il progetto è coordinato dal CAB-Centro di Ateneo per le Biblioteche dell’Università degli studi di Padova, che, per questo, ha ricevuto appositi fondi dal MIBAC; concordato con la Fondazione BEIC – Biblioteca Europea di Informazione e Cultura di Milano, che integrerà una copia dei dati nella propria biblioteca digitale; in convenzione con il MIBAC per l’utilizzo del portale MICHAEL e supportato dalla CRUI per i contatti con gli Atenei.

Il nostro Ateneo ha aderito al progetto e ha collaborato ad arricchire il patrimonio digitalizzato dalle università italiane tramite l'inserimento di due collezioni:

  • AVIREL - Archivio dei viaggiatori italiani a Roma e nel Lazio, realizzato dal CIRIV in collaborazione con l'Istituto Nazionale di Studi Romani e diretto dal prof. Vincenzo de Caprio;
  • Museo Erbario della Tuscia (UTV), di cui è responsabile scientifico la prof.ssa Anna Scoppola.


Per saperne di più, si può visitare il sito all'indirizzo http://www.michael-culture.eu/.

N B - Il portale dell'istanza italiana è in fase di aggiornamento e non è al momento consultabile.