Please Wait
Manifesto degli Studi

Il programma formativo del Corso di Dottorato in Scienze storiche e dei beni culturali prevede lo svolgimento di attività didattiche e di ricerca per un totale di 180 crediti (CFU). 124 CFU sono attribuiti all’attività di ricerca e acquisiti attraverso il lavoro di elaborazione e di stesura della tesi di dottorato e mediante attività e iniziative scientifiche varie. 56 CFU sono attributi alle attività didattiche articolate nei tre anni, con calendari delle lezioni in parte convergenti, e acquisiti mediante corsi dedicati e seminari. Di norma, parte delle attività dei dottorandi con borsa deve essere svolta presso un’istituzione straniera durante il soggiorno all’estero, della durata minima di tre mesi, sulla base di programmi di studio approvati dal Collegio dei Docenti.
 
Il programma formativo si organizza su tre annualità, secondo le seguenti modalità:
 
Corsi del primo anno (attività didattiche: 30 CFU)
Le attività sono suddivise in tre tipologie:

a) corsi di orientamento alla ricerca e di metodologia;

b) corsi interdisciplinari;

c) seminari di perfezionamento, tra cui la giornata di studio annuale organizzata dai dottorandi del secondo e del terzo anno.

È compito del tutor verificare che i dottorandi, nel corso del primo anno, assolvano ai loro doveri di formazione acquisendo il numero di crediti previsti. Entro il primo anno ciascun dottorando dovrà procedere alla formulazione del progetto di ricerca definitivo e all’impostazione del lavoro di tesi.
 
a. ORIENTAMENTO ALLA RICERCA (8 ore)
b. METODOLOGIA DELLA RICERCA (8 ore)
c. CORSI INTERDISCIPLINARI (30 ore)*

  • Metodi e strumenti della filologia
  • Origini delle partizioni disciplinari
  • Figure, saperi, metodi
  • Luoghi per conoscere e conservare
  • Spazi, paesaggi, contesti

d. SEMINARI (14 ore)

  • Inglese per le Scienze storiche e dei beni culturali
  • Informatica per le Scienze storiche e dei beni culturali
  • Giornata dei dottorandi**

 
Corsi del secondo anno (attività didattiche: 20 CFU)
Le attività sono articolate in due tipologie:

a) corsi interdisciplinari;

b) seminari, tra cui la giornata di studio annuale organizzata dai dottorandi del secondo e del terzo anno. È compito del tutor verificare che i dottorandi, nel corso del secondo anno, assolvano ai loro doveri di formazione acquisendo il numero di crediti previsti. In ogni caso, il compito principale dei dottorandi è quello di procedere con l’attuazione del progetto di ricerca, sotto la supervisione del tutor e del co-tutor e con la loro stretta collaborazione.
 
CORSI INTERDISCIPLINARI SCELTA (30 ore)

  • Origini delle partizioni disciplinari
  • Figure, saperi, metodi
  • Luoghi per conoscere e conservare
  • Spazi, paesaggi, contesti
  • Comunicazione e divulgazione

SEMINARI (10 ore) 

  • Gestione della ricerca e conoscenza dei sistemi di ricerca
  • Giornata dei dottorandi

 
Corsi del terzo anno (attività didattiche: 6 CFU)
Il compito principale dei dottorandi al terzo anno è la stesura finale della tesi in stretta collaborazione con il tutor e con il co-tutor. A tale scopo sono previsti confronti regolari con la Commissione interna. Le attività prevedono un corso interdisciplinare e la partecipazione alla giornata di studio annuale organizzata dai dottorandi del secondo e del terzo anno.
a. CORSI INTERDISCIPLINARI (6 ore)
Comunicazione e divulgazione
b. SEMINARI (6 ore) 
Giornata dei dottorandi
 
* I corsi interdisciplinari hanno un titolo fisso, ma le lezioni, tenute in italiano o in inglese, hanno carattere specialistico e cambiano titolo ogni anno, con possibili variazioni di durata. I corsi sono affidati, a turnazione, a docenti del Collegio, dell’Università della Tuscia e di altri atenei, italiani e stranieri, nonché a studiosi ed esperti le cui competenze siano ritenute utili alla formazione dei dottorandi. Una parte dei corsi è tenuta da docenti in compresenza.
** La Giornata dei Dottorandi, da tenersi ogni anno, prevede l’esposizione da parte di dottorandi del secondo e del terzo anno di relazioni collegate al tema della loro tesi, eventualmente pensato alla luce di un tema generale a cui può essere dedicata una giornata.